evento eco sostenibile consigli per organizzazione - gaya events

Come organizzare un evento eco sostenibile

Idee e consigli green per un evento eco sostenibile aziendale di successo

Dai congressi ai meetings, dalle serate di gala agli eventi per il lancio di nuovi prodotti: la parola d’ordine è eco-sostenibilità.

Questo tema attualmente molto discusso. Ed è sempre più fonte d’interesse per consumatori e imprese che cercano, nel loro piccolo, di orientarsi verso soluzioni ecosostenibili in qualsiasi ambito.

Strategie green e massima sensibilizzazione sul tema non rappresentano più solo una filosofia di vita, ma si trasformano anche in veri e propri strumenti di marketing, utili a trasmettere una nuova immagine di sé stessi. Nonché massima attenzione verso il pianeta Terra.

Nei precedenti articoli abbiamo già visto alcuni degli elementi per rendere perfetto un evento. Ma come si può organizzare un evento eco sostenibile di successo e degno di essere ricordato e preso come spunto dagli invitati?

Evento eco sostenibile: gli elementi chiave

Prima di iniziare a organizzare un evento eco sostenibile bisogna prendere in esame gli elementi ai quali prestare necessariamente attenzione per non correre il rischio di inciampare in errori banali che potrebbero comprometterne la riuscita e il successo dello stesso.

Impatto ambientale il più vicino possibile allo zero, questo dovrà essere il modus operandi che caratterizzerà ogni fase, dalla distribuzione degli inviti alla pulizia al termine della manifestazione. Riduzione dei consumi energetici, evitare gli sprechi, limitare la produzione di rifiuti e riciclo all’ennesima potenza. Una volta ben chiari questi elementi si potrà procedere all’organizzazione di un vero e proprio evento green!

In questo senso potrebbe essere utile una consulenza da parte di esperti del settore, ovvero agenzie specializzate nell’organizzazione di meetings, congressi e manifestazioni, abituate a occuparsi di ogni dettaglio, dalle possibili location ai catering, capaci di indirizzare verso la scelta più idonea in fatto di esigenze green.

10 accorgimenti per un evento green

L’organizzazione di un evento di per sé richiede parecchio tempo, nel caso in cui si decida che lo stesso debba essere anche eco sostenibile bisognerà metterne in conto ancora di più. Per meglio comprendere quello che stiamo evidenziando, ecco alcuni accorgimenti che andranno necessariamente seguiti per un evento green di successo.

  • Digitalizzare più elementi possibili, dagli inviti ai ringraziamenti al termine dell’evento, evitando carta stampata e spedita. Largo spazio quindi alle consegne dirette tramite mail. Medesimo discorso però andrà seguito per tutto quello che concerne l’organizzazione, ovvero i contatti con i fornitori, contratti e iscrizioni, per rimanere coerenti con la scelta fatta.
  • Cercare la location giusta per l’evento: casali, agriturismi, ville immerse nel verde. Il vero must have in questo senso è quello di organizzare cene e presentazioni immersi nella natura tra filari di viti, frutteti e roseti.
  • Optare per un catering che offra alimenti stagionali e a km 0, biologici. E con particolare attenzione a problematiche e scelte alimentari consapevoli, dalle offerte per celiaci a quelle per vegani.
  • Per la tavola utilizzare solo tovaglie in fibre naturali. Allestimenti sostenibili e stoviglie in materiale biodegradabile e compostabile.
  • Evitare di offrire acqua e bibite in bottiglie di plastica, optare in alternativa per vetro e borracce. Magari personalizzando queste ultime e lasciate ai partecipanti come gadget dell’evento.
  • Prestare attenzione alla raccolta differenziata, creando isole destinate al convogliamento dei rifiuti anche durante la manifestazione, comunicando in maniera chiara ed efficace le modalità anche agli invitati.
  • Impiegare solo addobbi ecologici e handmade, personalizzati e di design, magari realizzati da enti caritatevoli.
  • Nel caso in cui sia presente una band musicale, abbiate la cura di non superare mai le emissioni acustiche. Medesimo discorso per le illuminazioni, offrendo anche eventuali pratiche di compensazione.
  • Promuovere spostamenti con trasporto pubblico o esperienze di mobilità condivisa, magari con mini bus che offrano fermate in punti strategici in funzione della residenza dei partecipanti.
  • Ridurre al minimo anche l’inquinamento elettromagnetico prodotto dall’utilizzo di smartphone e apparecchi digitali.